giovedì 25 aprile 2013

giardinaggio sul balcone - recupero cassette di plastica

Adoro i miei pochi vasi, anche se il mio pollice non è ancora completamente verde.
Quest'anno voglio tentare di fare un piccolo orticello, ma davvero piccolo, tentando la sfida piantando zucchine, basilico e anche angurie.... chissà se nel vaso cresceranno??

Piantare in vasi comuni sarebbe stato troppo semplice ma.....

cominciamo da:

una cassetta di plastica recuperata al mercato dal fruttivendolo che ne butta a chili.


il sacco vuoto del terriccio , completamente aperto con l'aiuto di una forbice.

Lo sistemiamo all'interno della cassetta sistemandolo per bene anche negli angoli.

Ritagliamo gli angoli in modo che tutto il bordo abbia la stessa altezza....


.. e con l'aiuto di una pinzatrice facciamo un bell'orlo.


ed ecco fatta l'opera di impermeabilizzazione non rimane altro che....
 

...riempire di terra e ....



....seminare le zucchine.
 

il mio meraviglioso aiutante da una bella annaffiatina dopo aver coperto i semi e non rimane altro da fare che aspettare che crescano i germogli.


ed ecco in bella mostra i semenzai per il basilico in bottiglie di plastica (da un'idea presa dal web)










giovedì 18 aprile 2013

da lettino a panchina

Avevo questo lettino ikea che mio figlio ha usato per qualche anno, ma da quando c'è la cameretta nuova, giace inutilizzato. mi dispiaceva darlo via perchè ci sono dei ricordi e siccome stiamo arredando l'ingresso di casa l'idea non ha tardato ad arrivare.

(la foto l'ho presa dal web perchè purtroppo l'ho smontato senza averne scattata nemmeno una in tutti questi anni!!! sgrunt!!!)







ecco tutti i pezzi smontati...sono partita da qui.

 

 ho utilizzato le 2 testiere come gambe. ho tagliato un triangolo a circa 35 cm e ho proseguito in linea retta dividendo così la testiera e riunendola a L.




Dopo aver unito le due L (ovviamente recuperando tutte le viti del lettino), ho utilizzato le sponde del letto e un paio delle assi di sostegno del materasso per creare la seduta. Per ora visto il freddo e il brutto tempo non ho voglio di dipingerla, ma probabilmente quest'estate si tingerà di un elegantissimo bianco!!


E dopo il lavoro da falegname viene quello da tappezziere....



Ho utilizzato i due cuscini che imbottivano il materasso accorciandoli della misura che mi era necessaria e.... ne ho fatto un unico grande cuscinone.


La panca andrà a coprire i tubi del riscaldamento e il prossimo passo sarà creare uno schienale riutilizzando le assi dei bancali o delle perline e creando una parete per appendere giacche e zaini.

domenica 14 aprile 2013

magica mamma natura

Come sapete ogni tanto mi cimento con il mio pollice ormai quasi verde.
Oggi complice una festa in un vivaio di amici mi sono messa a sistemare le varie piante con grande soddisfazione per una bella sorpresa di mamma natura.
poco più di un mese fa... forse erano due... avevo delle patate che mi son germogliate al buio, nella cesta dove di solito le ripongo. senza troppo crederci ho chiesto alla mia bimba di andarle a piantare in solaio, in alcuni vasi vuoti. Dopo averle innaffiate credo un paio di volte in tutto, oggi a distanza di pochissimo tempo mentre sto per travasarle in un vaso grande e accogliente (ovviamente recuperato, ve lo mostrerò in un post apposito il 25 aprile) .... sorpresa!!!! mi ritrovo tra le mani una bellissima patata novella!!!


e questa è la nuova dimora delle patate, dove ho scovato, oltre alla meraviglia qui sopra, un'altra patatina in crescita, ma era troppo piccina per essere colta.


Questi sono germogli di girasole, li ha piantati la mia bimba e hanno una bellissima storia:
sulla cassetta dove sono alloggiati, Giulia ha scritto la parola AMORE e ogni giorno la ripete alle piante. Le avevo raccontato infatti della sensibilità delle piante a questa parola e all'affetto e alla cura che le si dedica.
Bè, dopo 6 giorni ci sono dei germogli stupendi!!! e alcuni sono già alti 5 cm!! ovviamente per ora li tengo in casa e molto ha giocato il tepore dell'interno, anche se la cura che ci ha messo mia figlia è stata sicuramente determinante, come la generosità di mamma natura.


Queste le mie nuove piantine di timo, salvia e incenso (quelle dell'anno scorso purtroppo erano ormai cadavere :(   )

E qua i miei germogli di basilico (nel post che vi citavo prima vi mostrerò come ho costruito anche questi semenzai di recupero), ne abbiamo contato una cinquantina.


 un bel geranio fucsia e le primule, dono di mia mamma ai miei bimbi.
nel vaso con il geranio ci sono dei rami superstiti di edera: paiono secchi ma hanno dei germogli verdi... chissà ....


Fragole, nuove anche queste dopo che quelle dello scorso anno sono morte dopo aver sofferto il caldo torrido.


I miei due cavoli, in compagnia, nello stesso secchio, di cipolle germogliate in frigo e patate germogliate nel cestino, sorelle di quelle sopra.
nell'altro vaso, rosmarino e origano.


Questa è la stevia, miracolosamente sopravvissuta all'inverno in casa: pareva si seccasse e morisse e invece, dopo aver tagliato il secco ... ecco tre nuovi bellissimi germogli.


E questa è una pianta di peperoncino dell'etna, voluta da mio marito, anche questa per me è una novità, spero dia buoni frutti.


scusate per il post un po' lungo ma oggi sono carica dell'energia del sole ricevuta dopo tanto grigio e dell'energia di madre terra e di tutte le meraviglia che da essa traggono la vita.
ho un balconcino di circa un metro quadro e una scala di venti gradini all'aperto, spero basterà per tutte queste piante!!!

venerdì 12 aprile 2013

ringiovanire una sedia

Questa sedia era quella della cameretta di mio marito. è ancora in ottime condizioni, ma la stoffa della seduta (che mia suocera aveva lasciato per anni con il cellophane) dopo averla data in pasto ai miei figli, un po' anche per vendetta, non aveva più un bell'aspetto e poi... che dire... era davvero anonima.


Non ho voluto toccare la verniciatura perchè è ancora integra, ma la seduta.
Quindi dopo averla smontata dal telaio inizio a staccare tutte le graffette.


Dopo avere verificato che l'imbottitura era ancora in buono stato, ho ritagliato un quadrato di stoffa più largo rispetto alla seduta.

Con la sparapunti ho graffato i primi due lati opposti, poi anche gli altri due lati, saldando bene la stoffa al compensato.


Ho ritagliato un rettangolo di stoffa che ho graffato al sotto della seduta per coprire il compensato rimasto scoperto.



sedia finita!
l'aspetto non è rivoluzionato, ma ora è più divertente e allegra.


mercoledì 3 aprile 2013

rose sul cerchietto

I miei bambini sono i miei ispiratori più grandi, nonchè suggeritori di moltissimi lavori.
La mia bambina voleva per la primavera un cerchietto nuovo: le ho proposto dei fiori, ma non dei fiori qualunque... delle rose.
Il colore è stato suggerito dal fatto che avevo solo quel nastro di raso panna in casa e quindi la scelta era quella.
Le istruzioni per rivestire un cerchietto le trovate qui avendo l'accortezza di rivestirlo prima sopra e poi sotto (per il sotto ho usato un nastro in vellutino panna).



Con la colla a caldo ho incollato le rose.
Devo dire che mi piace molto!! Forse anche troppo elegante, sembra adatto per un matrimonio!!





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.