martedì 17 luglio 2012

ricavare fettuccia da vecchie magliette

Recuperare per me è sempre stata una cosa di rilevante importanza sia per il valore e il costo dell'oggetto, sia per una questione di realizzazione personale.
Oggi, visto che questa tecnica mi dà sempre grandi soddisfazioni vi propongo come ricavare fettuccia da vecchie magliette. La cosa bella è che non ci saranno nodi che congiungono le strisce ma da ognuna si ricaverà un unico filo continuo.
Ci vogliono delle maglie in maglina, possibilmente di quelle senza cuciture ai lati.
Piegatela a metà, come in foto, on sovrapponendole completamente, ma lasciando scoperti un paio di centimetri alla fine.


Tagliate in verticale il pezzo di maglia che comprende collo ed entrambe le maniche.

 

Poi, dal rettangolo che vi rimane, ricavate delle strisce di circa 2 - 2.5 cm facendo attenzione a non arrivare fino in fondo.


Notate qui sotto l'immagine: i tagli si fermano un paio di cm prima del bordo superiore.
In questo passaggio dovrete prestare attenzione perchè è proprio grazie a questo passaggio che si otterrà un unico filo.


Una volta ricavate tutte le strisce, aprite bene la maglia e tagliate obliquamente dal bordo verso la prima striscia.

Proseguite sempre in obliquo (cioè tagliando dalla prima striscia verso la seconda, dalla seconda alla terza, e così via..) come in figura.


Ora avrete ottenuto un'unica striscia.
Per farla diventare una vera fettuccia non dovrete fare altro che tirarla leggermente e si arrotolerà su se stessa.


Fatene un bel gomitolo.


Siccome nulla va sprecato la parte tagliata di collo e maniche la potete utilizzare come stracci per le pulizie di casa. Ecco la mia nuova scorta di pulito!!!


E qua i miei bei gomitolini!!!


Sto già creando e presto vi mostrerò il risultato delle mie fatiche.
Spero vi possa tornare utile!!

A presto,

Chiara

12 commenti:

  1. ottima idea!!!!
    hai proprio ragione, non si deve mai buttare via nulla... per noi è tutto prezioso!!
    complimenti!!

    RispondiElimina
  2. grazie, utilissimo tutorial che spero di sfruttare al più presto!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prego!!! felice di esserti stata utile!!!

      Elimina
  3. Idea fantastica!!!! inoltre il tutorial della fettuccia è strepitoso! Sapessi quante volte ho cercato il metodo per fare la fettuccia, senza risultato,adesso le vecchie magliette di mio figlio avranno nuova vita. Grazie per aver condiviso...................e naturalmente bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio!! anche io l'ho ripreso da altri siti inglesi e poi l'ho riproposto alla mia maniera, sono felice di esserti stata utile!!!

      Elimina
  4. Che bella idea!!!
    Io con le magliette ci facevo solo cuscini e stracci... questa cosa qui invece mi aiuta con i laboratori delle mamme per i bimbi. passa dal mio blog e vedi che combiniamo... magari possiamo scambiarci idee!!!
    LABORATORI ARTI ANTICHE E CREATIVE - PADOVA
    siamo un gruppo libero, nemmeno associazione perchè anche quella costa, ma aperti e gratuiti per tutti!!
    a presto

    chiara
    p.s. un nome una garanzia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Sto riprendendo in mano il blog dopo un lungo periodo di fermo e vedo solo ora il tuo messaggio!!! Ho sbirciato il tuo blog e lo trovo molto interessante!!! Sicuramente mi metterò in contatto con te!! Grazie

      Elimina
  5. Questo è interessante perchè io ho metri e metri di stoffa sintetica che potreri trsformare in fettuccia per fare le borse che adesso son così di moda, grazie!!!

    RispondiElimina
  6. Ho fatto il primo rotolo di fettuccia: non solo è semplicissimo, ma da una malietta se ne ricava tantissima! Non vedo l'ora di arrivare ad averne parecchi gomitoli e iniziare ad intrecciare...
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono molto felice!! allora buon lavoro!!!

      Elimina

Grazie per essere passata di qua!
“Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela ciascuno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee."
George Bernard Shaw

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget