giovedì 28 marzo 2013

dispenser per sacchetti

Nel mio paesino è iniziata una nuova raccolta differenziata porta a porta, un'iniziativa che a me è piaciuta molto, ma che ha richiesto di riorganizzare alcuni spazi per posizionare secchi e sacchi vari.
...e mentre pensavo dove posizionare i sacchi della plastica per averli sempre a portata di mano... idea!!!

Per prima cosa ho improvvisato un banco da lavoro con delle cassette di recupero e un piccolo pannello di multistrato, purtroppo a casa mia il banco di mio marito è sempre sommerso di robaccia ed è impossibile utilizzarlo.


 Ho preparato i materiali: un vecchio flacone del detersivo, un piccolo flessibile per tagliare la plastica senza fatica, pennarello indelebile, righello, carta vetrata, chiodi e martello (che nella foto non c'è ma è necessario).
 

 Per prima cosa ... ah! scusate ma togliere l'etichetta mi avrebbe portato via del tempo... così invece la bottiglia ha proprio il sapore del riciclo verace... dicevo, con l'indelebile ho segnato le righe importanti per dare la forma al contenitore: una parte rialzata dietro con un foro per i chiodi, e sul davanti una fessura lunga e stretta per far fuoriuscire i sacchetti.


 Dopo averlo tagliato con il piccolo flessibile, passo i bordi con una carta vetrata a grana media per levigare i bordi.
Eccolo terminato in tutto il suo splendore e pronto per essere fissato...


... al muro e per dispensare sacchetti.


Ora saranno sempre in ordine e a portata di mano.

giovedì 21 marzo 2013

cioccolatini fai da te

in casa non utilizziamo il latte, non lo tolleriamo.
Oltre a un vantaggio in salute però spesso trovare qualche golosità già pronta si rivela un'impresa davvero epica e qualora si riesca a trovarla il costo è esorbitante.
Come sempre, complici i miei bimbi, abbiamo provato a creare dei semplici cioccolatini partendo da una tavoletta di cioccolato. eccovi come:

Abbiamo sciolto a bagno maria due tavolette di cioccolato fondente al 70%, mentre aspettavamo si sciogliesse in maniera omogenea, abbiamo messo delle nocciole e del farro soffiato in uno stampo per ghiaccio. Poi abbiamo iniziato a versarvi sopra il cioccolato.




Una volta riempito lo stampo, abbiamo posizionato in freezer per un paio d'ore e poi li abbiamo sformati.


Ed ecco il frutto del nostro lavoro.



venerdì 15 marzo 2013

cuscino mania

mi è presa una irrefrenabile voglia di creare cuscini, complice la quantità di campionari accumulati appositamente negli ultimi anni. e così oltre al classicissimo patchwork da sbaraglio che sfoggio in queste creazioni vi mostro anche un cuscino originale ripreso da un'idea vista nel web.

Ho preso una striscia di stoffa gialla 120 x 42 cm.


Ho ritagliato un quadrato 42 x 42 cm, che farà da base.
 

Ho cucito la stoffa gialla su quella rossa sui lati, tenendo il dritto verso di me.
 

Con gli spilli l'ho appuntata fermando prima la metà, poi la metà delle due metà e così via fino a distribuire equamente tutta la stoffa gialla sul supporto rosso.


Sistemo l'arricciatura man mano che proseguo con la cucitura.


E questo è il risultato.
 

Ora prepariamo il retro del cuscino. Ho deciso che non userò cerniere, per rendere tutto più semplice e pratico.
Ritaglio quindi dalla stoffa rossa due rettangoli 30 x 42 e 25 x 42 cm e faccio l'orlo a uno dei lati lunghi.

Sovrappongo ora dritto contro dritto le tre parti della fodera in questo modo: sotto con il dritto verso l'alto la stoffa gialla arricciata, poi il rettangolo più piccolo con il dritto verso la stoffa gialla e il lato lungo alla mia destra, infine il rettangolo rosso più grande con il lato lungo alla sinistra e il dritto sempre verso il basso (è più chiaro nella foto!!).

 Nella foto l'ho capovolto comunque il risultato è quello.


Dopo aver cucito e rifinito le cuciture con uno zig-zag, risvolto e imbottisco.


 che ne dite??


domenica 10 marzo 2013

da un vecchio accappatoio a cuccia per cane

In un epoca in cui il danaro scarseggia si fa di necessità virtù e gli scambi diventano la moneta corrente che paga la materia e appaga l'animo di grande gioia.
Con una cara amica ho scambiato una ceretta completa con un mio lavoro di cucito. ecco il risultato del cucito (quello della ceretta è fatto benissimo, ma non è il caso di mostrarvelo ;)  ).



ho utilizzato un vecchio accappatoio di suo marito, l'imbottitura è costituita per il cuscino sotto da un vecchio cuscino da letto, mentre per il cuscino-biscione da scarti dell'accappatoio stesso e vecchi abiti smessi e ormai inutilizzabili. 100% riciclo.
Il lavoro è stato davvero semplice e come sempre le cose fatte per caso riescono alla perfezione, infatti a parte la misura approssimativa per il cuscino inferiore il resto è stata una piacevole sorpresa fatta dal caso.
Allora qua sotto uno schema per spiegarvi come ho fatto, il tutto mi ha portato via circa un'ora di lavoro.

Per il cuscino sotto ho utilizzato la parte contrassegnata con la freccia verde andando a rivestire a misura un cuscino 40x80 tenuto in orizzontale con l'orlo inferiore dell'accappatoio.

Per il cuscino-biscione ho utilizzato l'intera parte delle maniche: ho ritagliato il cappuccio e il resto del corpo dell'accappatoio in corrispondenza delle linee rosse (queste parti le ho tenute per l'imbottitura), poi ho cucito le maniche in corrispondenza del buco per le mani, e lungo i margini dei tagli, ho tenuto come apertura per imbottire la parte costituita dal davanti dell'accappatoio che ho poi cucito a mano alla fine.

é stato più facile farlo che spiegarlo. La mia amica è stata molto contenta e io più di lei.

mercoledì 6 marzo 2013

testiera del letto fase 3 - tutorial

E dopo aver foderato la spugna per l'imbottitura qui, passiamo alla fodera vera e propria.

Stavolta cambio modalità di esecuzione: ho ritagliato un grande rettangolo 107.5 x 81 comprendente i due pezzi 81x51 più lo spessore di 6.5 x 81 cm. Ho poi proceduto con l'applicazione della sunbonnet con l'apposita carta termica.
Sotto vedete una fase delle prove prima di fissare il disegno e a lavoro terminato.


Procedo quindi a ritagliare i fianchi 7.5 x 51 cm e la pattella superiore 20x81 cm che mi servirà per ancorare la testiera a un bastone per tende fissato al muro.


Cucio i fianchi.

Orlo la pattella superiore e metto il velcro.

Dopo aver cucito il velcro anche sul retro della testiera il lavoro è terminato e pronto per la fase 4: la messa a dimora del lavoro... prossimamente. Prima devo terminare quella per il mio bimbo... sperando non passi un altro anno.


A presto!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.